Fattura verso PA Reverse Charge o Split Payment?

Si forniscono alcuni chiarimenti in merito alle rilevanti novità in campo IVA, introdotte dalla Legge di Stabilità 2015. In particolare si intende verificare quando, nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, deve applicarsi il Reverse Charge o lo Split Payment, per le attività alle quali è stata estesa la normativa del Reverse Charge.

Il Reverse Charge “prevale” rispetto allo Split Payment.

Le operazioni che vedono l’Ente pubblico debitore di IVA con l’applicazione del Reverse Charge sono escluse dallo Split Payment.

Il Reverse Charge non si applica quindi per prestazioni di servizi diverse da quelle indicate nel presupposto oggettivo. Per esse si rende invece applicabile lo Split Payment solo nel caso in cui siano rese nei confronti dei soggetti indicati nell’art.6, comma 5, DPR n.633/72.

Dati questi presupposti, si può dedurre che se l’Ente pubblico non possiede partita IVA, il fornitore non può applicare il Reverse Charge, mentre applicherà lo Split Payment. Se invece l’Ente pubblico ha Partita Iva, poiché svolge sia attività istituzionale che attività commerciale, è necessario per il fornitore conoscere in quale ambito si colloca la sua prestazione: se la fornitura rientra nell’ambito istituzionale dell’Ente pubblico, essa è assoggettata allo Split Payment, mentre la prestazione effettuata nell’ambito dell’attività commerciale dell’Ente segue il meccanismo del Reverse Charge.

Al fine di evitare l’errata applicazione del meccanismo Iva, è necessario che il fornitore preventivamente all’emissione della fattura verifichi se l’Ente pubblico è titolare o meno di partita Iva. In tale ipotesi dovrà altresì richiedere all’Ente se la fornitura rientri nella sfera istituzionale o in quella commerciale.

Accetto

Questo sito utilizza i cookies per ottimizzare l'esperienza dell'utente durante la navigazione, proseguendo accetti di ricevere tali dati da questo sito.
Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei cookies e per sapere come disabilitarli visita questa pagina.